Mossad

Appello internazionale per un mese d’azione per Georges Abdallah

"Dove stanno i «veri» partigiani": ovunque si organizzi la resistenza palestinese

Il 25 aprile, anche dopo 72 anni, riesce a smuovere le acque limacciose della consuetudine facendo riemergere un po’ di tutto: dal letame convintamente sionista a qualcosa di meno sgradevole alla vista, ma altrettanto negazionista.

L’articolo pubblicato su Il Manifesto del 21 aprile 2017 “dove stanno i «veri» partigiani” si porta dietro tutta la retorica ed i luoghi comuni che compongono la narrazione sionista, quella narrazione che vuol far credere che sia possibile “una soluzione democratica del conflitto”, come pare ami sperare Alessandro Portelli, e per questo a lui piacciono molto gli “ebrei contro l’occupazione”, che noi rispettiamo, pur non condividendone alcuni aspetti.

Barakat: Omar Nayef Zayed è stato trattato come un ostaggio senza diritti

L'assassinio alla fine di febbraio del compagno Omar Nayef Zayed, ex prigioniero palestinese e leader del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina in Bulgaria ha scosso la coscienza del popolo palestinese e dei suoi sostenitori, tanto più che il reato ha avuto luogo all'interno dell'ambasciata palestinese a Sofia.

Il periodico Al-Hadaf si è messo in contatto con il compagno Khaled Barakat (attualmente nella capitale bulgara), scrittore di sinistra palestinese e coordinatore internazionale della Campagna per la Libertà di Ahmad Sa'adat, quotidianamente in contatto con il martire e la sua famiglia e molto vicino alla campagna di solidarietà internazionale che è stata lanciata una settimana dopo che Omar Nayef Zayed ha cercato rifugio presso l'ambasciata palestinese.

Decimo anniversario dell’attacco a Gerico e del rapimento di Sa’adat: Il tempo non cancella il crimine

Il 14 marzo del 2006 le forze sioniste armate fino ai denti fecero irruzione nella prigione di Gerico con carri armati e diversi tipi di armi seguendo un piano premeditato, con la piena complicità di forze britanniche e statunitensi. Attaccarono la prigione e catturarono Ahmad Sa’adat, il Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, ed i suoi compagni giudicati responsabili dell’assassinio del funzionario sionista Rehavam Ze’evi quale rivendicazione dell’uccisione del Segretario Generale dell’FPLP Abu Ali Mustafa e dei compagni Ahed Abu Ghoulmeh, Majdi Rimawi, Hamdi Corano e Basil al-Asmar.

Dieci anni dopo questo crimine la Campagna per la Libertà di Ahmad Sa’adat ribadisce ancora una volta che questo crimine, oltre ad essere un ulteriore capitolo della storia dei crimini sionisti contro il popolo palestinese ed i suoi leader, è stata anche un’azione vile e sleale compiuta dall’Autorità Nazionale Palestinese.

Pagine

Subscribe to RSS - Mossad

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente