Technion

Oltre 400 bibliotecari e studiosi del Medio Oriente chiedono il boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane

La seguente lettera, che invita studiosi e bibliotecari di studi sul Medio Oriente a boicottare le istituzioni accademiche israeliane, è stata presentata a nome dei firmatari qui sotto a Jadaliyya il 6 agosto 2014. L'appello è ora stato sottoscritto da più di 400 studiosi e bibliotecari. L'elenco completo delle firme si trova sul sito Mondoweiss

Noi sottoscritti, studiosi e bibliotecari che lavorano sulla tematica del Medio Oriente, riteniamo che il silenzio sull’ultima catastrofe umanitaria causata dal nuovo attacco militare di Israele sulla Striscia di Gaza, il terza e più devastante negli ultimi sei anni, costituisca complicità. I governi mondiali e i media mainstream non ritengono Israele responsabile per le sue violazioni del diritto internazionale. Noi, tuttavia, come comunità di studiosi impegnati con il Medio Oriente, abbiamo la responsabilità morale di farlo.

Trento - Interrotto incontro "Sentieri di Pace" in solidarietà con la popolazione di Gaza

Sospendiamo le trasmissioni: il massacro di Gaza parte da qui

Domenica 27 luglio, nelle Gallerie di Piedicastello a Trento, si stava svolgendo un dibattito sulla Grande Guerra trasmesso in diretta da Radio Tre. L’incontro faceva parte di una serie di serate dal titolo “Sentiero di Pace” organizzate dalla Provincia di Trento. In vista del centenario della Prima Guerra Mondiale, giornalisti e storici stavano discutendo, tra una battuta e l’altra, di battaglie, generali, memorialistica, in un misto di denuncia della brutalità della guerra e di esaltazione di episodi di eroismo e onore patrio. Centrale in questa retorica, che nei mesi a venire si abbatterà come un fiume in piena sulle terre di confine, il ruolo dell’irredentismo, con l’annosa questione se Cesare Battisti fosse un eroe trentino oppure un traditore dell’Austria. Mai nessuno di questi storici pagati per esserlo che ricordi una semplice verità: e cioè che tutti i “socialisti” che propagandarono la partecipazione italiana alla guerra furono prima di tutto traditori della classe proletaria, che da quell’immane carneficina ricavò centinaia di migliaia di morti e feriti, nonché una disfatta sociale da cui emergerà, anni più tardi, il fascismo.

Sul boicottaggio accademico di Israele

L’ostruzione sistematica del sistema educativo palestinese non viola soltanto i diritti umani dei soggetti coinvolti ma mina anche alle radici la possibilità di sviluppo della società palestinese nel suo insieme.

Uno dei punti scottanti dell’acceso dibattito sul boicottaggio accademico di Israele[1] è che la cultura e le istituzioni accademiche rappresentano uno dei pochi luoghi simbolici dove è possibile un dialogo vero e costruttivo. La libertà accademica e di parola, si sostiene, può rappresentare per gli intellettuali israeliani il punto di forza per premere per il cambiamento della politica israeliana e quindi anche per mettere fine all’occupazione del territorio palestinese. Ciò che probabilmente sfugge è che senza una reale libertà di parola anche per gli intellettuali palestinesi e senza una libertà di istruzione per gli studenti palestinesi non si può concepire un dialogo costruttivo che porti ad una soluzione a lungo termine del conflitto. Se la libertà di espressione e di educazione significa qualcosa, deve valere per tutti.

Boicottare Israele, gli accademici Usa si uniscono alla lotta

L'American studies association contro le università di Tel Aviv. «Violato il diritto all'istruzione palestinese».

L’American studies association (Asa), un’associazione accademica che conta circa 5 mila iscritti, ha recentemente aderito alla campagna internazionale di boicottaggio contro l’accademia israeliana. La forma di lotta non colpisce i rapporti tra singoli docenti ma è rivolta contro le istituzioni e rientra all’interno della campagna più ampia denominata Boicottaggio disinvestimento sanzioni (Bds) verso le politiche di apartheid e di colonizzazione del governo di Israele.

Pagine

Subscribe to RSS - Technion

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente