Territori occupati

Palestina: l’assassinio di Nizar Banat e la rivolta contro Abu Mazen

Dal 24 giugno al 4 luglio le città di Al-Quds (Gerusalemme), El Khalil (Hebron) e Ramallah sono state percorse e scosse da manifestazioni di protesta contro l’assassinio di Nizar Banat ad opera dei corpi speciali dell’Anp di Abu Mazen, nelle quali è stato riproposto lo slogan delle grandi sollevazione arabe del biennio 2011-2012: il popolo vuole la caduta del regime – il regime in questione è, stavolta, la screditatissima “autorità nazionale palestinese” che risiede a Ramallah e fa capo ad Abu Mazen, legata con mille fili ad Israele e alle potenze occidentali. Gli altri slogan ripetuti erano “Lascia Abbas!” (Mahmoud Abbas è Abu Mazen) e “Nizar è il popolo, e il popolo non muore“.

CAF, tirati fuori da Sheikh Jarrah!

Questo sabato 5 giugno si tiene l'assemblea annuale degli azionisti della CAF, una società basca che sta costruendo la metropolitana leggera Jerusalem Light Rail (JLR), una linea di tram che collega gli insediamenti illegali israeliani a Gerusalemme.

La metropolitana leggera (JLR) passa attraverso la Gerusalemme occupata, compreso il quartiere palestinese di Sheikh Jarrah, in cui Israele vuole realizzare una pulizia etnica.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto per fare pressione sugli azionisti della società CAF, la CAF deve porre fine alla sua complicità con la violenta occupazione israeliana di Gerusalemme.

In numeri senza precedenti, dipartimenti universitari e studiosi chiedono la fine dell'apartheid israeliana

Dichiarazioni a sostegno dei diritti dei palestinesi, molte delle quali sostengono il BDS, sono state approvate da oltre 300 dipartimenti accademici, programmi, centri, sindacati e società e hanno raccolto 15.000 firme da studiosi, ricercatori, studenti e personale universitario di tutto il mondo.

In un'ondata di solidarietà senza precedenti, più di 300 dipartimenti accademici, programmi, centri, sindacati e società in tutto il mondo hanno approvato dichiarazioni a sostegno dei diritti dei palestinesi in risposta ai violenti attacchi di Israele contro i palestinesi questo mese. Dichiarazioni simili di singoli studiosi, ricercatori, personale universitario, studenti ed ex allievi hanno raccolto più di 15.000 firme.

LA MONTAGNA PROLETARIA E IL SORCIO BORGHESE – Per uno sciopero internazionalista in Palestina e in tutto il Medio Oriente

Il 18 maggio è stato proclamato uno sciopero generale dei lavoratori palestinesi in tutto il territorio della Palestina pre-1948, “dal Giordano al mare”, quindi dalla Cisgiordania e dalla striscia di Gaza comprendendo il territorio dello Stato di Israele. Lo sciopero ha dunque coinvolto anche i lavoratori arabi con cittadinanza israeliana.

Pagine

Subscribe to RSS - Territori occupati

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente