Territori occupati

I prigionieri palestinesi in detenzione amministrativa israeliana continuano lunghi ed estenuanti scioperi della fame

“Non esiste un sistema giudiziario per giudicarli in modo equo. Non c’è nessuno all’interno del carcere che possa appoggiare le loro richieste. Quindi l’unico strumento che i prigionieri palestinesi possono usare per protestare e combattere per i loro diritti sono i loro corpi”. — La portavoce di Addameer Milena Ansari

RAMLA, PALESTINA STORICA — Il prigioniero palestinese Miqdad al-Qawasmeh è entrato nel suo 86° giorno di sciopero della fame. È sopraffatto dalla debolezza e non può muoversi dal letto d’ospedale, nemmeno per fare la doccia o usare il bagno. Soffre di dolori articolari, renali, muscolari e addominali, alla testa, alle ossa. Ha difficoltà a parlare e ha perso più di 34 chili. Nonostante la sua salute deteriorata, al-Qawasmeh non vuole porre fine allo sciopero della fame, poiché lui e altri sei prigionieri rifiutano il cibo per protestare contro la loro detenzione amministrativa in corso.

Unicredit, Intesa Sanpaolo e Mediobanca tra le banche che finanziano le colonie illegali israeliane

Comunicato stampa

Alcune delle più importanti banche e aziende finanziarie italiane hanno investimenti o forniscono prestiti e garanzie per oltre 7 miliardi di dollari a imprese coinvolte nelle colonie illegali di Israele nei Territori palestinesi occupati.

Palestina: l’assassinio di Nizar Banat e la rivolta contro Abu Mazen

Dal 24 giugno al 4 luglio le città di Al-Quds (Gerusalemme), El Khalil (Hebron) e Ramallah sono state percorse e scosse da manifestazioni di protesta contro l’assassinio di Nizar Banat ad opera dei corpi speciali dell’Anp di Abu Mazen, nelle quali è stato riproposto lo slogan delle grandi sollevazione arabe del biennio 2011-2012: il popolo vuole la caduta del regime – il regime in questione è, stavolta, la screditatissima “autorità nazionale palestinese” che risiede a Ramallah e fa capo ad Abu Mazen, legata con mille fili ad Israele e alle potenze occidentali. Gli altri slogan ripetuti erano “Lascia Abbas!” (Mahmoud Abbas è Abu Mazen) e “Nizar è il popolo, e il popolo non muore“.

CAF, tirati fuori da Sheikh Jarrah!

Questo sabato 5 giugno si tiene l'assemblea annuale degli azionisti della CAF, una società basca che sta costruendo la metropolitana leggera Jerusalem Light Rail (JLR), una linea di tram che collega gli insediamenti illegali israeliani a Gerusalemme.

La metropolitana leggera (JLR) passa attraverso la Gerusalemme occupata, compreso il quartiere palestinese di Sheikh Jarrah, in cui Israele vuole realizzare una pulizia etnica.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto per fare pressione sugli azionisti della società CAF, la CAF deve porre fine alla sua complicità con la violenta occupazione israeliana di Gerusalemme.

Pagine

Subscribe to RSS - Territori occupati

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente